Alluminio, dall’industria automobilistica all’aeronautica

Alluminio, dall'industria automobilistica all'aeronautica

L’alluminio è uno dei metalli più utilizzati del mondo per tante buone ragioni: è malleabile, molto resistente alla corrosione e conduce elettricità.

I settori che impiegano questo metallo sono innumerevoli, ma quello che ne impiega più di tutti è senza alcun dubbio quello del trasporto. Inoltre l’uso di alluminio nei trasporti è stata una vera e propria rivoluzione.

Oltre un quarto dell’alluminio primario del mondo viene utilizzato dai produttori di trasporti occidentali, ma la tendenza nei prossimi anni è di un ulteriore aumento. Si stima che, entro il 2025, la quantità impiegata nel settore dell’automotive raddoppierà.

Le prime automobili erano costruite in acciaio pesante, ma presto i costruttori si resero conto dei vantaggi di passare a materiali più leggeri, per aumentare la velocità del mezzo e l’efficienza. Inizialmente, veniva impiegato a scopi decorativi ma con il passare del tempo è diventato il metallo che costituisce la carrozzeria, i paraurti, i supporti delle sospensioni e decine di altri dispositivi. Sono più di 100 i dettagli di un’automobile che sono fatti di alluminio e nel 2012, più di 20 modelli di auto erano costituite per almeno il 10% da questo metallo. Garantisce un livello di sicurezza per i passeggeri mai raggiunto prima: assorbe energia cinetica e quindi è in grado di ridurre l’impatto delle collisioni.


Nel settore dell’aeronautica, non sarebbe proprio possibile viaggiare se non ci fosse l’alluminio. Esso costituisce circa l’80% della fusoliera di un aereo commerciale moderno. Già nel 1903,  i fratelli Wright lo utilizzarono per il loro famoso primo volo.

Le leghe di alluminio sono prodotte su misura per il trasporto aereo in quanto sono resistenti alla pressione che proviene dalle altitudini elevate e mantengono il calore. Poiché queste leghe sono resistenti alla corrosione, molte compagnie aeree scelgono di non verniciare completamente la fusoliera, riducendo il peso e risparmiando soldi.

Ma è un elemento essenziale anche nella costruzione di treni ad alta velocità, vagoni per metropolitane, navi e missili. Basti pensare che nel 1957, il primo satellite lanciato nello spazio era in alluminio.

L’alluminio, in peso, è circa cinque volte più costoso dell’acciaio, ma è circa il 40% più leggero. Quindi i produttori usano ancora acciaio per alcune parti delle automobili, come il telaio e il corpo, anche se, per esempio, l’Audi ha prodotto alcuni modelli con il corpo interamente di alluminio.

La rivoluzione dei trasporti potrebbe essere soltanto all’inizio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *