L’innovazione applicata al riciclaggio potrebbe portare a profitti miliardari

riciclo e innovazione

I ricercatori dell’Università di Leuven, in Belgio, hanno sviluppato un nuovo processo per separare neodimio e samario da altri metalli quali il ferro, il manganese ed il cobalto. Neodimio e samario fanno parte dei metalli delle terre rare e sono fondamentali per la costruzione di magneti permenenti, indispensabili in elettronica e per le energie rinnovabili (turbine eoliche).

L’utilità di neodimio e samario è superata soltanto dalla loro scarsità. Secondo i rapporti arrivati dal governo americano e secondo la Commissione Europea dell’Energia, questi elementi appartengono alla categoria dei metalli con il più alto rischio di interruzione degli approvvigionamenti e li ha inseriti in una lista delle materie prime essenziali.

Lo sviluppo di un processo economico ed ecologico per estrarre questi metalli da componenti elettronici arrivati al termine del ciclo di vita, potrebbe significare miliardi di profitti per le aziende impegnate nel settore della bonifica e della raccolta dei rifiuti.

Secondo la Green Technology Solutions, azienda californiana impegnata nell’offrire soluzioni innovative di riciclaggio, la chiave per le forniture di materie prime negli anni a venire sarà il riciclo dei rifiuti e i cassonetti diventeranno le miniere del futuro.

 ROTTAMI&RICICLO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *